Archivio

Post Taggati ‘maria’

Introduzione a "Lettere a un giovane poeta" di Rainer Maria Rilke

14 Luglio 2003 Commenti chiusi

Introduzione a Rainer Maria Rilke
Lettere ad un giovane poeta

Come quasi tutti i grandi poeti, anche Rainer Maria Rilke è divenuto famoso solo dopo la sua morte, giunta quando aveva solo cinquanta anni. Rilke, infatti, nacque a Praga nel 1875 e morì in Svizzera, nel sanatorio di Valmont, nel 1926.
La sua fama andò crescendo di anno in anno solo dopo tale data, ma già nel 1929 tutti i suoi scritti erano conosciuti.
Poeta dallo spir5ito inquieto, Rilke abbandonò presto il paese dorigine e compì viaggi e soggiorni in Russia, Francia, Italia e Svizzera.
Nelle sue opere di poesia Il libro dore (1899-1903), Il libro delle immagini (1902), Canzone damore e di morte dellalfiere Cristoforo (1906), Rilke dimostra di essere un autore attento ai valori musicali della lingua. Con la sua opera successiva, le Nuove Poesie (1907-1908), Rilke oppone invece una strenua attenzione ai valori semantici della parola. Rilke fu anche scrittore di prosa e nei suoi racconti de I Quaderni di M.L. Brigge vi è unangosciante analisi del problema esistenziale delluomo moderno.
Fu lo scoppio della Prima Guerra mondiale che acuì la forza introspettiva di Rilke, e tale forza risulta evidente nei Sonetti a Orfeo (1923) in cui la Parola si fa interprete del mistero della vita e della morte.

Il giovane poeta che si legge nel titolo della raccolta di lettere, era un ventenne sognatore tedesco di nome Franz Xaver Kappus. Le lettere in questione sono le risposte del Rilke alle domande del giovane Kappus, il quale gli richiedeva un giudizio sui suoi primi saggi poetici. Quel giovane tedesco, dopo una breve carriera militare, divenne un autorevole scrittore.
Le Lettere sono in tutto dieci, scritte fra il 1903 e il 1908 e, come si può notare, tra una lettera e laltra passano lunghe settimane, a volte dei mesi. Queste missive, più che di giudizi, sembrano una serie di preziose lezioni sullarte dello scrivere, un originale modo di indirizzare alla vocazione artistica e alleducazione delle facoltà creatrici. Lezioni di scrittura creativa, si direbbe oggi. In pratica, si ha in queste lettere non solo una teoria della creazione artistica, ma anche il senso di una germinazione di spiriti poetici. La pacatezza che traspare da questi scritti, danno il senso dellintimità, di una espressione di stati danimo, quasi una lunga confessione che lautore fa al destinatario. Quel destinatario reale che ieri era un giovane poeta, e che oggi idealmente diventa il lettore della presente raccolta.
In questo libretto sembra racchiusa la Poetica di un grande autore. Queste dieci Lettere, infatti, hanno un valore inestimabile, non solo per la conoscenza dellUniverso letterario di Rilke, ma sono preziose lezioni anche per quelli che crescono e si formano ora, come poeti e come scrittori.
Ma adesso basta, scriveva il giovane Franz Xzver Kappus nel 1929, nella prefazione alla prima edizione tedesca delle Lettere. Quando un Principe sta per parlare, si deve fare silenzio.

Salvino Lorefice Ragusa, marzo 1994