Home > Argomenti vari > commento ad un racconto di Alberto Angelici

commento ad un racconto di Alberto Angelici

16 Luglio 2003

Commento al racconto

?SORRISI, BOTTARGA E UN PROSCIUTTO CON LO ZAMPETTO?, di Alberto Angelici e del suo amico Aldo.

Chi di noi non ha vissuto quanto descritto nelle prime righe del racconto? Un locale quasi deserto, in cui sono presenti solo gli addetti ai lavori che sembrano fantasmi. Agli autori del racconto è successo nel profondo Nord quello che a me è successo nel profondo Sud. Eppure, Nord e Sud, un altro punto in comune ce l?hanno: un memorabile pranzo in un ottimo locale. A proposito: che ci fa la bottarga a Parma? È come dire carne di cinghiale in Sicilia, dove è difficile trovare un bosco dove cacciarlo. Così com?è difficile trovare a Parma il mare e pescare il tonno. (Per chi non lo sapesse: la bottarga è lo sperma del tonno. Grattugiato, si può insaporire un piatto di spaghetti o usarlo per preparare ottimi cibi.)
Naturalmente, sia cinghiale, sia bottarga, se parliamo di cibo congelato è tutta un?altra cosa. Bisognerebbe proporre la questione ad Eduardo Raspelli: lo conoscete? È uno di quegli esperti che sono pagati per mangiare e dormire in ristoranti e alberghi sparsi in Italia per poi dirci sui giornali la loro impressione. Mi fanno una rabbia! Mangiano, dormono e li pagano pure!
A metà lettura, un atroce dubbio mi assale: non saranno mica, gli autori, Alberto Angelici e il suo amico Aldo, due di quegli esperti? Il primo finale del racconto, con le indicazioni del ristorante, del conto pagato e del giudizio espresso, farebbe pensare di sì.
Leggendo la seconda parte del ?racconto? (ma a questo punto, è lecito chiamarlo così?) elimino ogni dubbio: i due autori devono saperla molto lunga sull?arte culinaria. Certe definizioni di un certo cibo non appartengono agli scrittori, appartengono agli esperti gastronomi. Lo sono? Mi piacerebbe averne conferma o smentita, affinchè ?l?ignoto non resti a me ignoto?. Tuttavia, la lettura dello scritto mi appaga a sufficienza. Certe espressioni sono impareggiabili: ?(il locale) è oasi di pace che odora di amicizia e di fresco?? Oppure: ?volteggia (il pollo sfibrato) su una nuvola di erba verde?? Od anche: ?Mela acidula e croccante?? E per finire: ?La banana dolce e sensuale?? E a questo punto mi sorgono altri dubbi: forse gli autori non sono né scrittori, né gastronomi, né esperti. E se fossero poeti? Altro che Edoardo Raspelli!

PS.: ad Aldo: grazie per la dedica, io sono tra quelli.

  1. Alberto Angelici
    15 Giugno 2011 a 13:52 | #1

    Per uno dei tanti, usuali scherzi di Internet, leggo ora, infiniti anni più tardi, il commento a un mio racconto. Per rispondere alle garbate, simpatiche parole del commentatore, amo scrivere fin dall’età scolare e a volte, sull’onda di emozioni forti, anche poesie. Aldo Ponzetti (alias Aldoponz) grande poeta e gastronomo finissimo, purtroppo non è piu’, stroncato in poche ore da un malore improvviso, pochi anni fa. Amico indimenticabile, persona di cultura profonda, architetto, mi piace ricordarlo qui con affetto immutato.

  2. 19 Febbraio 2012 a 0:04 | #2

    Condivido il tuo pensiero sugli scherzi che Internet ci propina. Soltanto dopo alcuni mesi trovo un il tuo messaggio. Con molta sorpresa devo dichiarare che non c’è poi tutta quella velocità dicomunicazione come si dice che Internet sia. Basta undisguido, una svista, e ci ritroviamo come cento anni fa: una lettera spedita e recapitata dopo molti mesi, a volte anni. Come in questo caso.
    Internet è in continua evoluzione e il caso mi ha portato a “trasferirmi” su Face Book, dove puoi trovarmi e dove potremo diventare “amici”.
    Mi dispiace per la scomparsa del tuo amico Aldo. Mi ricordo che mi sono molto divertito a scrivere quel commento al Tuo/Vostro articolo gastronomico.
    Spero di rileggerti al più presto. Magari Il Destino ci ha fatto incontrare al momento giusto per chissà quale recondito disegno di Vita (collaborazione, nuova attività culturale, scambi di idee che possono portare a decidere dei Destini degli Universi… Chissà).
    Ricevi i miei più cordiali saluti.
    Ciao.
    Salvino Lorefice.
    P.S.: Ti ho cercato su FB e ti ho inviato una richiesta di amicizia. Per evitare che tu mi legga tra cinque o sei anni, ti scriverò la presente sulla tua e-mail gmail.

I commenti sono chiusi.